Piegata la Cogianco con un gioiello di Lukaian: 3 a 2 e semifinale contro la Luparense

L'urlo di Jonas dopo il 2-2

L'urlo di Jonas dopo il 2-2

Laziali avanti di due gol, rimonta pazzesca davanti al super pubblico di Chieti: Ruiz e Jonas impattano

E’ stata più dura del previsto, ma alla fine l’AcquaeSapone Unigross stacca il biglietto per la semifinale scudetto: battuta la Cogianco 3-2. Venerdì prossimo gara-1 al PalaSantaFilomena di Chieti contro la Luparense. Il sogno continua. Grazie alla voglia, all’attenzione e alla qualità di una squadra che ci mette il centodieci per cento per passare il turno contro un avversario mai domo e pieno d’orgoglio. E ancora grazie alla bolgia di Chieti, che spinge i nerazzurri al successo.

Un primo tempo da infarto. Com’era prevedibile. Ci vogliono quasi 10’ per sbloccarla, ma la Cogianco parte meglio, conscia di dover tentare il tutto per tutto. Mammarella salva i suoi in più occasioni e benedice (a 2’35’’) anche il palo che ferma Fits. Lima risponde, Molitierno non trattiene, ma Canabarro non punge sul tap in. Al 5’ ancora Mammarella decisivo su Vizonan in uscita bassa fuori dall’area (si fa anche male nell’occasione). Il gol dei laziali è nell’aria e arriva al 9’ con Luizinho che si ritrova la porta spalancata per un disimpegno troppo leggero dei nerazzurri. Al 10’ la traversa di Lukaian pare una maledizione sulla serata. Ancora di più lo è il raddoppio ospite firmato da Mazoni nell’uno-due davanti a Mammarella.

I ragazzi di Ricci capiscono che così non va e ci mettono il cuore, lo stesso visto durante la regular season e nelle occasioni migliori. Alonso sbaglia a schiacciarsi troppo davanti a Molitierno, che resta fulminato dal rasoterra di Josè Ruiz in sfondamento centrale solitario. La Cogianco continua a gestire e intanto commette falli su falli, arrivando al sesto. Il tiro libero di Jonas fa esplodere il palazzetto di Chieti. Due a due. Si riparte e Alonso chiede ai suoi il massimo sforzo. Ippoliti e Fusari vicini al tris, poi Lukaian commette anche lui il sesto fallo. Ma Luizinho dal dischetto spara sulla traversa.

Nella ripresa avvio catastrofico degli arbitri che regalano letteralmente almeno due dei primi cinque falli ai laziali, condizionando pesantemente la gara. E’ una sofferenza atroce, ma Lukaian trova lo spiraglio del fenomeno e firma il tre a due che vale l’accesso alle semifinali. Un diagonale da campione di razza. La Cogianco attacca con il portiere di movimento negli ultimi sei minuti, ma Mammarella e i suoi compagni chiudono la saracinesca. Si va in semifinale.

ACQUAeSAPONE UNIGROSS – CIOLI COGIANCO 3-2 (pt 2-2)

ACQUAeSAPONE UNIGROSS: Mammarella, Lima, Romano, Rocchigiani, Murilo, Lukaian, De Oliveira, Bordignon, Casassa, Jonas, Josè Ruiz, Canabarro. All. Ricci.

CIOLI COGIANCO: Molitierno, Pacheco, Fusari, Vinicius, Ippoliti, Vizonan, Luizinho, Paulinho, Raubo, Fits, Mazoni. All. Alonso.

ARBITRO: Bizzotto di Castelfranco Veneto, Scarpelli di Padova, Di Nicola di Pescara, crono Di Filippo di Teramo.

MARCATORI: nel pt 8’59’’ Luizinho (CC), 12’20 Mazoni (CC), 14’32’’ Josè Ruiz (A), 15’32’’ Jonas (A); nel st 7’st Lukaian (A).

NOTE: ammoniti Jonas (A), Paulinho (CC), Lukaian (A), Bordignon (A), De Oliveira (A).

Orlando D'Angelo
Addetto stampa e responsabile della comunicazione - Acqua e Sapone Futsal
Raccontare lo sport, dal campo o da dietro le quinte, in A o nei dilettanti, nei grandi stadi o nei palazzetti, in Italia o in qualsiasi altra parte del mondo. Ovunque rotoli un pallone, regalando emozioni, l’obiettivo è sempre lo stesso: raccontare. Dal 1997 sulle pagine de Il Messaggero, successivamente anche sul Guerin Sportivo, sul Corriere dello Sport e, dal 2009, sulla Gazzetta dello sport. Dal 2010 lavora anche nel futsal: la prima stagione in A2 con l’Adriatica Pescara, dal 2011 è il responsabile della comunicazione dell’AcquaeSapone Unigross Futsal. Con la stessa mission: raccontare lo sport a chi lo ama.